Contact
Contact

Benedette nausee!

da | Nov 10, 2017

La #nascita è un mistero.
Come il corpo della donna, in maniera autonoma, predisponga sé stesso ad ospitare, formare e creare un altro essere umano è un mistero. Attorno ad un mistero tanto grande non si possono che fare tante ipotesi e supposizioni.
Ho già scritto in “La tua attesa è dolce … non metterle fretta” che la data presunta del #parto è una stima, come lo è il peso del nascituro. Allo stesso modo anche le spiegazioni che si cerca di dare alle #nausee in #gravidanza sono delle ipotesi.
Il corpo fisico fa quello che sa fare, ovvero riorganizza sé stesso per fare spazio a qualcun altro al suo interno.
I preparativi coinvolgono gli #ormoni della gravidanza, alcuni dei quali sono in parte ritenuti responsabili delle nausee.
La #placenta inizia ad occuparsi del nuovo corpicino e ad entrare in comunicazione con il tuo corpo. Anche la sua presenza in parte potrebbe essere, nei primi mesi più sensibili a questo tema, correlata alle nausee.

Hai notato che ogni volta che si cercano delle risposte, che alla fine rimangono supposizioni, si coinvolge unicamente il corpo fisico? Con azzardo si comincia a tenere in considerazione anche le emozioni che la #donna prova e che possono influenzare/essere influenzate da un determinato sintomo.
Ma l’#Anima?
Di nuovo, come possiamo dimenticarci dell’altra metà di noi (oltre al corpo)?
Cosa fa tanta paura all’idea di includere anche l’Anima nella visione d’insieme?
Forse il fatto che mettendoci pure l’Anima …
il mistero si infittirebbe 😉?
Eppure, fare i conti a metà non ha mai dato buoni risultati!

Gli atomi che ci compongono vibrano a determinate frequenze.
La luce ed il suono vibrano a determinate frequenze.
L’Anima ha caratteristiche simili alla luce e al suono il che la fa vibrare a sua volta a determinate frequenze. Niente di esoterico 😛
Ci sono quindi delle nuove frequenze, quelle del #bebè, che penetrano il tuo corpo e vanno a toccare le tue. Questo incontro genera una risposta, produce un nuovo suono all’interno di te se così si può dire. Per far sì che questo nuovo suono sia armonioso, le due frequenze, la tua e quella del bebè, continuano a fare delle prove tra loro fino a riuscire a sintonizzarsi. Questa “interferenza” prodotta dalla frequenza dell’Anima in arrivo che va a interagire con la tua, è l’aspetto spirituale che si cela dietro a malesseri come le nausee, che non esclude ma completa ciò che allo stesso tempo sta accadendo a livello fisico.
L’Anima durante tutto il periodo #gestazionale viaggia tra il nuovo corpo che si sta formando e la sua Origine. Ci sono Anime che trascorrono più tempo all’interno del #grembo #materno e altre che fanno solo alcune visite, cambia anche da mese in mese.
Da questo variano la durata, l’intensità o l’assenza delle nausee.
Sfatiamo così un altro luogo comune: non devi per forza soffrire di nausee in gravidanza, le nausee non sono una tappa inscindibile della gravidanza, che tu abbia o meno le nausee non fa di te una cattiva o buona #madre!

Il tuo corpo non si sta solo adeguando alla presenza di un altro corpo ma deve anche prepararsi a contenere due Anime.
Quando l’Anima del bebè, che abbiamo detto possiamo immaginare come luce e suono, è all’interno di te, illumina anche la tua la quale a sua volta, in risposta, intensifica la sua luce. Se non sei abituata ad ascoltarLa, a percepirLa, a riconoscerLa e considerarLa, questa è l’occasione in cui si farà sentire e richiamerà tutte le tue attenzioni. Darà luce alle parti di te che, per semplice difesa, hai nascosto. Illuminerà la tua bambina interiore che hai messo a tacere e le ridarà voce. Farà emergere memorie e informazioni antiche che, magari pur non appartenendoti, ti sono state tramandate ed è ora di liberare. Ti farà buttar fuori (vomitare) tutto quello che non ti serve più, tutto ciò che nella vita ti sei costretta ad ingoiare, tutto ciò che non sei tu.
“Ho vomitato anche l’Anima!” … in effetti è proprio così 😉 !
Quando la luce entra sconquassa tutto, è come un terremoto che squarcia le ferite come crepe e fa vacillare i muri dietro e dentro i quali ci siamo rifugiate. Se uno scossone non basta, fa crollare tutto e lì, nude di fronte a noi stesse, a tu per tu con memorie, dolore, paure, possiamo solo sederci, tremare un po’, riprendere fiato e osservare il nuovo spazio che si è creato.
Non facciamoci prendere dall’urgenza di voler subito ricostruire nuove mura dietro e dentro le quali tornare a nasconderci.
In quel nuovo spazio il nuovo accade.

“Ma io su di me ho fatto un gran lavoro negli anni ben prima di essere #incinta eppure ho la nausea.”
Più sei in contatto con la tua Anima, più le frequenze del tuo corpo sono simili a quelle della tua luce, più dentro di te è Casa; più l’Anima in arrivo si sente invitata a portare ogni parte di sé utile all’esperienza di vita che si appresta a vivere e a mantenere alte le sue frequenza senza doverle troppo adeguare alle tue. Tanta roba insomma 😀
Inizialmente anche questo può essere destabilizzante.
Purtroppo sulla Terra, nel nostro quotidiano, frequenze pure non sono all’ordine del giorno. Quando i nostri occhi si abituano a vivere in semioscurità, all’arrivo di un enorme e improvviso bagliore hanno bisogno del tempo per adattarsi.
Allo stesso modo tutto di te ha bisogno del tempo per adattarsi ad ospitare l’infinito.
Quindi sì a tutto ciò che può dare sollievo al tuo fisico: una manciata di mandorle, verificare un’eventuale carenza vitaminica e/o proteica, dieta bilanciata, piccoli pasti frequenti e leggeri, zenzero, oli essenziali (a patto che siano 100% puri e certificati di grado terapeutico).
Sì a tanto riposo.
Non sei pigra, non sei debole! Dentro di te stai creando un essere umano. Il riposo è cura di sé (e anche già dell’altra/o), è resa, è abbandonarsi al miracolo che stai compiendo, è devozione. Avrai tutte le opportunità poi … di correr dietro a tua/o figlia/o 😀
Non da ultimo, un grande sì alla tua Anima!
Durante gli #accompagnamenti individuali, i cerchi in gravidanza e il corso di preparazione intuitiva e #spirituale a parto e #genitorialità, ricevi strumenti e suggerimenti utili a trascorrere più tempo all’interno di te, a creare dei rituali quotidiani attraverso i quali connetterti con il tuo cuore, rimanere in ascolto delle tue intuizioni, nutrire la fiducia in te stessa, aprirti a tutto l’amore che sei e che stai portando sulla Terra.
Ho visto visi di donne rilassarsi e rifiorire dopo aver compreso in profondità cosa gli stava veramente accadendo e accogliere ogni sintomo, anche la nausea, come una benedizione.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivimi per info

Scrivimi per qualsiasi domanda e ulteriori informazioni.

10 + 3 =

Sacred Seeds

 

© Clarissa Semini

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. È possibile consentire o non consentire i cookie nelle impostazioni del browser.

Chiudi