Contact
Contact

Eco eco delle mie brame …

by | Jun 14, 2019

Tempo fa leggevo un articolo in cui veniva annunciato che, a partire dal 2021, in Germania sarà proibito usare ultrasuoni su bambini non ancora nati se non sussistono ragioni mediche che richiedono cure e osservazione. La legge vieterà di fare ecografie di routine in gravidanza se tutto sta procedendo senza rischi e/o problemi di salute. Ai genitori continueranno a venire garantite e proposte le tre ecografie durante la gravidanza considerate “ecografie di base”. Questa nuova legge si basa su una raccomandazione della Commissione tedesca per la protezione dalle radiazioni (appoggiata dal Ministero federale dell’ambiente, della conservazione della natura e della sicurezza nucleare) che ha deciso di porre la protezione dei consumatori (donne e bebè) al di sopra degli interessi economici dei fornitori di ultrasuoni e prova che ci sono rischi e pericoli per la salute del bambino.

Qual è la tua prima reazione a questa notizia?
Paura, sollievo, opposizione, gioia, …
Mani sulla pancia, cosa provi?

Ovviamente i dottori continueranno a giustificarne un utilizzo più frequente per la sicurezza del nascituro.
Da qualsiasi parte la si guardi, si continua a far leva sulla paura: da una parte gli ultrasuoni sono nocivi e dall’altra non farli può mettere in pericolo.
Questo non ti aiuta, vero?!?
Qualsiasi sarà la tua scelta, con questi termini, sarà stata manipolata facendo leva sulla tua vulnerabilità e concimando la paura!

Come sarebbe se, ad ogni famiglia che sta nascendo, venisse garantito uno spazio protetto all’interno del quale muoversi e/o stare?
Uno spazio, non per forza fisico, con persone che sappiano restare in ascolto, che riconoscano i propri bisogni e non li mescolino con quelli degli altri, che credano in quella donna e in quell’uomo e nella loro capacità decisionale; che nutrano la loro fiducia in sé stessi e nel loro essere madre e padre in grado di fare le scelte che essi ritengono le più adatte alla loro famiglia.
Uno spazio nel quale poter ricevere indistintamente e in modo neutrale, tutti gli ingredienti utili e necesseri a poter trarre le proprie conclusioni, informati e liberi da giudizi, condizionamenti e terrorismo psicologico.


Genitori responsabili dei propri figli in maniera sana, ecologica e globale,

o burattini da manovrare e ai quali è più semplice anteporre i propri interessi/fragilità/credenze/ecc.?

Questo cambierà quando tu cambierai!
Alla brama di sapere, tua o di qualcun altro, l’ecografia può dare solo alcune risposte, per lo più ipotesi.
Dirigere la tua attenzione all’interno di te anziché su uno schermo, può rivelarsi lo strumento più efficace a tua disposizione … che in ogni caso non esclude l’altro.
Stabilire una comunicazione autentica con il bambino in pancia è possibile e reale. Come ogni lingua, ha le sue regole, i suoi princìpi e i suoi trucchetti 😉 va imparata e praticata affinché diventi sempre più scorrevole e chiara. Qui trovi ulteriori informazioni al riguardo.

Finché non ti prenderai cura delle tue paure, finché non rafforzerai il terreno nel quale coltivare la fiducia in te stessa e dal quale lasciare emergere il tuo sapere interiore, incontrerai sempre qualcuno pronto a dirti cosa è meglio per te, a illuderti o spaventarti con gli scenari peggiori, a infilare il coltello in quella memoria profonda, a cercare di spegnere la tua luce interiore.
Tutelarsi da un ambiente, qualsiasi esso sia, che in maniera subdola instilla timori e preoccupazioni, fa parte del buon senso.
Può essere di aiuto circondarti, inizialmente, di persone che autenticamente riconoscono il tuo potenziale e credono in te.
Solo tu puoi cambiare questo approccio cambiando te e il tuo modo di porti.

Questo, in fondo, è uno dei grandi doni che il tuo bambino ti sta già porgendo!!
Dentro di te, con lui/lei, ri-nasce anche il tuo sentire, il tuo sapere ancestrale, la consapevolezza dell’intelligenza del tuo corpo e della sapienza in esso custodita, la voce del tuo cuore, il collegamento con la tua Origine.

Appoggia nuovamente le mani sulla tua pancia, sopra l’ombelico all’altezza del tuo plesso solare.
Fai un profondo respiro e chiudi gli occhi. Immagina un sole dentro di te proprio sotto le tue mani. Un sole luminoso, piacevolmente caldo, i cui raggi si espandono in tutto il tuo corpo toccando ogni parte di te e, se sei incinta, avvolgendo anche il tuo bambino.
Osserva come il tuo sole interiore sia collegato ai raggi del sole che splende in cielo e dal quale viene incessantemente nutrito.
Fai emergere ora da dentro di te un dubbio o una paura e una volta individuato/a immagina di porlo/a al centro del tuo sole interiore. Affidalo/a al tuo sole e osserva come questo dubbio/paura spontaneamente si scioglie nella luce solare.
Ora lascia che il Sole continui in maniera naturale, senza che tu debba fare più nulla, a sciogliere ogni dubbio, paura, resistenza, timore e a colmarti di serenità, pace, fiducia.
Respira profondamente in questo nuovo stato d’animo al quale potrai accedere ogni volta che vorrai e ne sentirai la necessità.

Da cuore a cuore,
Clarissa

0 Comments

Sacred Seeds

© Clarissa Semini