Contact
Contact

L’Amore oltre l’emozione

by | Apr 16, 2020

Questo articolo è stato pubblicato anche sul numero di aprile 2020 della rivista Gente Sana.

Prova per un attimo ad immaginare l’Amore come fosse una grande luce. Una bellissima, cristallina, pura luce che già solo a pensarla ti fa stare bene, rilassa il tuo corpo, ti connette al respiro e rallenta i pensieri.
Prova ora ad immaginare di entrare dentro questa luce luminosa, soffice e delicata. La respiri, la annusi e sfiori, ti penetra e ti avvolge, espande i tuoi confini dandoti una sensazione di unione e libertà. C’è solo pace, calma, respiro, silenzio, spazio. Unione e libertà. Possiamo dire che quello che stai sperimentando ha una specifica qualità, una particolare frequenza.
Più ti immergi e rimani in questa qualità e frequenza, più la tua, a sua volta, si accorda con essa fino a modellare il tuo quotidiano e di conseguenza la tua vita.

Quando ci permettiamo di includere l’Anima all’interno del tema nascita e quindi teniamo conto del suo viaggio, nell’aprirsi alla sua presenza è abbastanza naturale sentirsi immergere nello stesso stato di profonda serenità descritto sopra.
Pur tenendo conto del mistero che caratterizza l’aldilà, concediamoci di accogliere l’idea che l’origine dell’Anima sia pura luce e amore nel più incondizionato senso del termine. Significa che il bebè in arrivo vibra alla frequenza dell’Amore, che possiamo anche definire luce, la quale cerca di farsi strada attraverso il corpo della donna e nel suo mondo interiore.
Nell’incontro, quale delle due frequenze si armonizzerà all’altra?

La maggior parte delle volte, questa luce così luminosa e pura mette a disagio e accoglierla pienamente crea qualche difficoltà (come ad esempio le nausee in gravidanza di cui parlo nell’articolo Benedette Nausee).
Nel corso di una vita è praticamente inevitabile fare nostri schemi e strutture che provengono dalla famiglia e dalla società.
A lungo andare ci danno un senso di protezione ma allo stesso tempo, da qualche parte dentro di noi, sappiamo anche che ci trattengono dall’essere pienamente chi siamo, ci limitano e ci allontanano da noi stessi.
Quell’Amore che ci abitava e del quale eravamo fatti appena nati sembra una fantasia molto lontana.

Nascita in casa accompagnata dall'ostetrica Elena Cecchetto di Mamasté

Durante la gravidanza, il bebè entra in contatto con questa sensazione di distacco da sé e si conforma ad essa.
Più la donna s’impegna a creare al suo interno lo spazio e la pace necessari a ricontattare la propria frequenza d’origine, cioè l’Amore, più facilmente il bambino potrà continuare a sua volta a vibrare d’Amore.
Purtroppo, di questi tempi, frequenze pure non sono all’ordine del giorno. Per questo si tratta di fare una scelta consapevole e portarla avanti nonostante il brusio attorno. Quando i nostri occhi si abituano a vivere in semioscurità, all’arrivo di un enorme e improvviso bagliore hanno bisogno del tempo per adattarsi. I bambini portano con sé una nuova luce per le famiglie in cui nascono, per l’ambiente che li circonda e per la Terra stessa. Molto spesso questa luce, inizialmente, illumina proprio quelle parti di noi che abbiamo dimenticato e questo innesca un profondo senso di mancanza, inadeguatezza, malinconia ecc.
Porta a galla il mare di emozioni che ci portiamo dentro senza nemmeno esserne del tutto consapevoli.

Ritrovarsi faccia a faccia con l’Amore richiede coraggio … e tanta onestà!

 

È responsabilità dell’adulto prendersi cura del proprio campo emotivo, facendosi accompagnare se necessario, e allenarsi a distinguere le emozioni che si mascherano di Amore ma che di fatto non lo sono.
Tutto ciò che crea legami, che condiziona, che delimita, che innesca dipendenza, che ha aspettative, … è tante cose ma non è Amore. L’Amore non fa qualcosa, non ci rende più liberi, non ci guarisce, non rende tutto più bello, … L’Amore è.
Stando in questo essere, il resto accade spontaneamente.

Un bambino che, già nel grembo materno, viene accolto e cresciuto in questa qualità d’Amore, che non è vincolata né vincolante, percepirà un senso di unione tra la sua origine, il grembo materno e la Terra.
Questo per lui è un invito e una porta aperta a rimanere in contatto con la propria essenza, a sentirsi libero di essere chi è venuto ad essere e a diventare l’adulto che coltiverà e donerà bellezza nel mondo.
Unione e libertà.

0 Comments

Sacred Seeds

© Clarissa Semini