Contact
Contact

La tua attesa è dolce … non metterle fretta

da | Ott 27, 2017

La voglia di poter guardare finalmente il tuo #bebè negli occhi, annusare il suo profumo, toccare le sue manine e stringertelo addosso … e anche la fatica di un corpo e un peso al quale non sei abituata, possono essere distrazioni insidiose con il loro scalpitare.
Sei in #dolce #attesa. L’attesa racchiude la certezza interiore che ciò che attendi arriverà e permetti che accada. Il bebè c’è già, si tratta solo di attendere il momento in cui sarà tra le tue braccia e questo momento non è una data precisa, è un periodo ed è la consapevolezza che avverrà.
Guarda la tua pancia!
Lì dentro dal nulla si sta formando un essere umano grazie alla perfezione del tuo corpo. Vuoi che non sia anche previsto che ad un certo punto esca? I vostri corpi si parlano attraverso gli #ormoni, il bebè segnala quando tutto è pronto e il tuo corpo reagisce di conseguenza. La #gravidanza umana è fisiologica per la stragrande maggioranza delle donne dalle 37 alle 42 settimane (42!!!).

“Speriamo che non sia in ritardo” è una di quelle frasi che vorrei tanto poter cancellare dal lessico comune che si utilizza quando si parla di gravidanza, #nascita e #maternità.
Ce ne sono molte altre, purtroppo, sulle quali rendere attenti e ci saranno altre occasioni per farlo. Il potere delle parole è conosciuto da sempre e anche oggi possiamo renderci conto delle importanti conseguenze e seri impatti emotivi.
Il #nascituro non è un treno al quale poter addossare dei ritardi, tu non sei uno yogurt con data di scadenza e nemmeno una bomba ad orologeria. Per quanto sofisticate e all’avanguardia siano le apparecchiature utilizzate oggi dai medici per stimare il peso del nascituro e la data presunta del #parto, restano pur sempre delle apparecchiature e i loro risultati restano stime. Sguardi esterni che puntano su un termine convenzionale ma che in realtà ci mettono di fronte all’impossibilità di avere certezze, all’impossibilità del controllo assoluto, di fronte alla resa: non spetta a noi decidere tutto e sapere tutto.

Dal momento che non esistono garanzie, il mio invito, quello che accompagno a fare, è sedersi comodamente nel presente e da lì godere pienamente di ogni istante con sguardo e ascolto interiori. Questo tempo è prezioso sia per te che per il tuo bebè.
Non solo i vostri corpi si stanno preparando ma anche le vostre anime.
La sua, da infinito diventa una scintilla all’interno della quale far stare tutto l’infinito che vuole portare con sé in questa nuova esperienza di #vita terrena. L’#anima del bebè si àncora definitivamente nel corpicino al momento dell’uscita dal corpo materno, fino ad allora può essere altrove con tutte le sue buone misteriose ragioni.
C’è un tempo #astrologico preciso, con determinati allineamenti planetari, che appartiene alla nascita di quell’anima.
C’è un tempo preciso che riguarda la tua anima che a sua volta si sta preparando a vivere questa indescrivibile esperienza di dare vita alla vita. Entrambi, tu e il bebè, vi state accordando affinché avvenga in un allineamento divinamente perfetto e umanamente di difficile comprensione. Perché fissarti su una data, farti influenzare da interferenze esterne, lasciarti trasportare da paure che rischiano di portare ad una serie di interventi con tutte le loro conseguenze?

Indurre il #travaglio, per esempio, dovrebbe essere riservato a specifiche condizioni mediche e non fatto per convenienza; non è una scelta obbligata ma una scelta che la donna può assumersi una volta ricevute tutte le corrette informazioni.
L’#induzione ha un impatto sull’esperienza della donna. Il parto può essere meno efficace ed è di solito più doloroso.
Inibisce la produzione di #ossitocina naturale e conseguenti #endorfine, aumentando invece quella di #adrenalina (il corpo riceve un ordine esterno che lo forza a partorire e contemporaneamente un allarme interno a non farlo! Che risultato ci aspettiamo?).
L’induzione ha conseguenze sullo stato emotivo della donna nel #postparto, nella relazione con e sul #neonato stesso, fisiche e oltre. Se il bebè non segnala che il travaglio può iniziare un motivo ci sarà.
Forse dal suo punto di vista non è ancora tutto pronto. Forse, per svariate ragioni, non è in grado di navigare verso la nascita.
Dov’è la sua anima quando improvvisamente qualcun altro decide che è ora?
Cosa succederebbe se inducessimo un bruco a diventare farfalla?

Sappiamo tutti che ad un certo punto del viaggio verso la nascita dobbiamo affidarci.
Non è un’esperienza nella quale si ricevono garanzie. Ma che differenza fa viverla seguendo, assecondando, subendo le scelte di qualcun altro o viverla seguendo, assecondando, assumendosi le scelte che tu ritieni le più appropriate per voi?
Una volta che ti sei circondata di persone di cui ti fidi e che si fidano di te, una volta fatte le tue scelte informate, stai nel presente di questa attesa ricordando sempre che la state vivendo insieme, i vostri corpi e le vostre anime insieme.
Non sprecare questo tempo prezioso con l’agenda in mano. Approfittane per ascoltare se hai pesi sul cuore di cui liberarti, se ci son paure ad intralciare il canale della nascita, memorie che allertano l’impazienza.
Sperimenta la tua parte selvatica, il tuo essere animale che si esprime al di là di un pensiero, per impulsi e istinti naturali e innati.
Se già non lo fai, scopri cosa significa onorarti e lasciare che anche altri lo facciano.
Ascolta.
Ascolta quel silenzio in te che ha il suono del tuo sapere.
Lì percepirai di non essere sola bensì quante presenze angeliche, elementali e magiche a vostra disposizione.
Lì puoi imparare ad avere fiducia e a lasciarti inebriare dalla vita che vive in te.
È in quello spazio sacro che inizia il vostro viaggio verso la nascita.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivimi per info

Scrivimi per qualsiasi domanda e ulteriori informazioni.

14 + 11 =

Sacred Seeds

 

© Clarissa Semini

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. È possibile consentire o non consentire i cookie nelle impostazioni del browser.

Chiudi