Contact
Contact

Le urla dei bambini cercano il silenzio

da | Set 25, 2018

Quando il tuo #bambino urla, piange e si comporta in maniera apparentemente incomprensibile, è la sua #Anima che chiama e …
sta chiamando la tua!
La sua Anima fa tutto ciò che può, tenendo conto della sua età e delle sue possibilità cognitive, per comunicare con te.
Chiede di essere vista, chiede che ci si ricordi di lei, chiede di essere ascoltata … e lei non è staccata o al di fuori del tuo bambino.
Le sue urla e i suoi pianti ti scuotono le viscere perché è proprio lì dentro che si celano parti di te.

Ci hanno insegnato a comunicare con le parole … ma quando le parole mancano o non si conoscono o non si è in grado di associarle a quello che si sta percependo?
Come stai quando non riesci a dire ciò che vorresti, quando ti senti incompresa/o, ignorata/o o criticata/o per quello che stai provando?
Ora senti come potrebbe starci tua #figlia
La sola porta che in quei momenti può aprire ad un contatto, a una comprensione e a delle eventuali risposte, è

Una #comunicazione pura e chiara, che non mira a ottenere dall’altro ciò che noi pretendiamo o ci aspettiamo bensì ad incontrare l’altro e riconoscerlo per chi è realmente.

Non si tratta di fantascienza o finzione. È una comunicazione che si impara e va praticata come tutte le altre, con la sostanziale differenza che non è su un piano mentale né tantomeno #emozionale né di interpretazione di segnali corporei.
Nemmeno compromette l’#apprendimento e la capacità di esprimersi bensì facilita.
Siamo abituati alla comunicazione come un processo razionale e/o interpretativo, senza tener conto che siamo Esseri dotati di molto altro. Ci si sofferma ad osservare e cercare di analizzare il #comportamento che il bambino in quel momento sta adottando ma esso è solo un aspetto esteriore di quello che sta vivendo interiormente. Perché non andare direttamente all’#origine?
Una volta individuato il reale motivo che ha dato vita ad una certa reazione da parte di tuo figlio, saprai indirizzarlo attraverso il #linguaggio #verbale per aiutarlo a spiegarsi a parole, anche se in realtà non è quasi mai necessario.

Possono esserci mille motivi per cui un bambino si comporta in un determinato modo e provare ad indovinare non solo richiede un importante dispendio di energie ma allontana anche.
La frustrazione sale da entrambe le parti e diventa rabbia. Tu ti senti impotente, incapace di comprendere tuo #figlio e in colpa nei confronti dell’ambiente circostante. Tuo figlio si sente impotente, incapace di farsi comprendere e in colpa per quello che tu stai provando. I sensi di colpa influenzano enormemente la vita di una persona, lo sappiamo molto bene.
A lungo andare non ne risente solo la vostra relazione ma anche quella che il bambino ha con la sua Anima.

Ogni bambino nasce con un sogno (compito/missione) che si è prefissato di vivere in questa vita.
Solo mantenendo vivo il collegamento con la sua Anima può ricordarsi del suo sogno
e percorrere così la sua strada per compierlo.

Ovviamente per poterlo fare ha bisogno anche di te! Invece di incamminarti sulla via dei sensi di colpa, puoi scegliere un cammino più evolutivo e soddisfacente per tutta la #famiglia. Trova e usa ciò che ti serve per creare silenzio dentro di te indipendentemente da quanto sta accadendo attorno. Chiedi aiuto per (e permettiti di) liberare legami/ricordi incastrati nel tuo corpo emozionale per poter entrare profondamente in contatto con tua figlia, con la sua Anima, senza interferenze.

L’accompagnamento spirituale alla genitorialità

trasmette anche tutti questi strumenti e include un tuo tornare un po’ più vicina/o a te stessa/o, ascoltarti e fidarti della tua voce interiore. Aprirsi a questo tipo di comunicazione permette di andare all’origine del comportamento del bambino senza che sfoci in conflitto. Infatti, la maggior parte delle volte, non è nemmeno necessario intervenire, reagire o rispondere in quanto, dal momento che il bambino si sente visto e compreso, la tensione si scioglie e il suo comportamento in maniera molto naturale e spontanea, a volte graduale, si modifica. Altrettanto spesso il #genitore si rende poi conto che a sua volta qualcosa dentro di sé è cambiato, che quella determinata emozione legata a una determinata situazione si è sciolta e ha lasciato spazio per altro.
Passo dopo passo anche tu ricorderai il tuo sogno e potrai invitare le tue qualità animiche a tornare e raggiungerti in questa vita per poterlo tradurre in realtà. Riconoscendo te stessa/o, puoi riconoscere tua figlia e accompagnarla verso la sua realizzazione.

Le domande ai bambini vanno fatte in silenzio, le risposte dai bambini vengon date all’anima … da cuore a cuore, avanzando insieme.

Qui trovi ulteriori informazioni sulla comunicazione interiore.

Sacred Seeds

© Clarissa Semini